Il pallino del giornalista

pallini

Oggi sono andato a farmi una radiografia per una botta che ho preso alla mano e in un flash sono tornato a quel giorno di ben 33 anni fa (!) Quel 21 novembre 1983 nella redazione de La Nazione di Lucca mano, braccio sinistro e una postura scomposta alla scrivania mi salvarono la vita (purtroppo non un occhio) facendo scudo alla fucilata di un tale che ce l’aveva con i giornalisti. I pallini di piombo sono ancora li, e porca miseria quanti sono. Ormai fanno parte di me e pazienza se le risonanze magnetiche non potro’ mai farle. “Un incidente di caccia?” mi chiedono sempre i radiologi. Macche’, e ascoltano stupiti il mio racconto…e io ogni volta penso ai tanti colleghi che non avevano un braccio davanti e non stavano seduti scomposti quando sono caduti sotto i colpi di terroristi, dittatori, malviventi, mafiosi o solo pazzi. E penso a questo mestiere, il mestiere di scrivere quello che succede. Penso a questa professione nobile, dura, spesso rischiosa, e ora mortificata da troppi sedicenti giornalisti e urlatori del web. Penso al muro del Newseum di Washington, dove sono scolpiti i nomi di tutti i giornalisti caduti in servizio, in tutto il mondo, un muro che si allunga ogni anno. Penso a chi, per un titolo sopra le righe o per un commento provocatorio, vorrebbe tornare alle veline del Minculpop. E penso a tutta la gente che legge i giornali senza rendersi conto di quanto sia difficile raccontare il mondo. E che si illude di trovare la verita’ solo sfogliando un tablet.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *